Happy Boxing Day!

Il nome inglese della festa di oggi mi è sempre parso disallineato alle festività natalizie…

boxing-day1ma gli effetti dell’influenza stagionale mi fanno sentire proprio come dopo un allenamento da boxeur (in cui me ne sono presa tante!).

E’ stato un Natale meraviglioso! E che fosse speciale lo si è capito sin dal mattino presto quando, per la prima volta in 22 anni e 23 Natali, sono stata io a svegliare mia figlia per andare ad aprire i regali. E’ l’ultimo Natale festeggiato in questa bella casa che ci ha ospitato per tanti anni, e l’ultimo da “mamma e bimba”, visto che a breve mamma e “bimba” andranno a vivere in due case diverse.

23 Natali pieni di bei ricordi a cui sono sicura ne seguiranno molti altri; quello che non ci sarà più sarà la sveglia al mattino presto per correre in salotto a vedere cosa ha lasciato Babbo Natale. Tristezza? Nostalgia? No! Gioia per la vita che cresce e si trasforma, per le tradizioni che si tramandano, trasformate, di generazione in generazione, e curiosità per quello che il futuro porterà.

Intanto, dopo il mio ultimo match con Rudolph, torno sotto le coperte; e se mi pungesse vaghezza di alzarmi, basta che guardi la pila di compiti in classe che ancora vogliono essere corretti, per decidere di infilare la testa sotto il piumone e restarci un bel po’.

 

Annunci